Nemo Nessuno Escluso 2018: vita da Gigolò

 In Blog, DICONO DI ME

Nemo Nessuno Escluso 2018: una vita da Gigolò

Venerdì è andata in onda la puntata di Nemo Nessuno Escluso 2018 nella quale sono stato intervistato in merito alla mia vita da Gigolò. Molti di voi avranno già letto la mia storia, il perché ho scelto questa strada.

Sono sicuro che noterete che ci sono dei pezzi che sono stati tagliati e riadattati a come gli autori del servizio volevano che io uscissi.

Quello che mi preme dire è che viviamo in un mondo difficile, dove i pregiudizi sono alla base, dove dire “oh, mamma mia” e giudicare qualcuno è più facile che capire ed accettare che possano esistere posizioni differenti da quelle che noi crediamo siano giuste.

Sentitevi libere. Sentitevi libere sempre di essere chi volete essere, quello che volete essere. Sentitevi libere di fare quello che volete.

Nel servizio su di me, Aaron Gigolò, si vede che una ragazza mi scrive per sua mamma: lo sapete cosa c’è dietro ad una figlia che decide di contattarmi per dare un conforto alla mamma? Lo sapete quanto Amore c’è?

Vi racconto una storia

Una volta una ragazza mi chiamò per la mamma, che da tempo era affranta, era sola. Mi disse che voleva che io le regalassi momenti di spensieratezza e di felicità estrema, felicità che non provava da tempo. Passammo del tempo insieme, e quella donna aveva sempre il sorriso sulle labbra.

 

Dietro ogni telefonata, ogni sms, ogni WhatsApp c’è una ragione, c’è un sentimento:

evadere, fuggire, stare bene, trasgredire.

Qualunque sia la ragione, dovete essere libere di fare sempre ciò che vi sentite di fare.

Ecco la puntata:

Post recenti
Showing 33 comments
  • Aaron
    Rispondi

    Buonasera dany come stai? In realtà era un discorso molto più ampio sull’amore che deriva dal latino amor, che a sua volta deriva da kama che significava ‘’passione carnale’’ ma tutto questo lo hanno tagliato!

  • Lisa
    Rispondi

    E invece io vi dico che parecchi uomini,al giorno d’ oggi,ti trombano e basta o vorrebbero trombarti perlomeno!La parola amore viene descritta per ognuno di noi in maniera soggettiva, e per me oltre al rapporto carnale intenso dev’esserci una componente totale più profonda.In realtà ci hanno insegnato che l’amore capita, che l’amore è una relazione di coppia, soprattutto, che l’amore è un rapporto in cui devi ricevere qualcosa. Ma così non è,ma non voglio addentrarmi più del dovuto in questo tema…Per quanto riguarda te,Aaron, dalla descrizione del tuo personaggio,attraverso lo schermo,ho dedotto come la maggior parte della gente che ha visto questo filmato,credo, che tu sia predisposto più ad un amore ludico.Le persone che preferiscono l’amore ludico, non hanno in mente, né ricercano un tipo ideale d’amare. Essi giocano con l’amore e in questo gioco collezionano mille avventure con mille persone diverse, senza approfondire nessun rapporto, senza nulla costruire, senza mai coinvolgersi, senza nulla vivere pienamente.
    A volte vi è qualche cenno di passione, più imitato che profondamente sentito ma non vi è il tempo né la voglia di costruire una profonda intimità…Ovviamente ognuno è libero,dev’esserlo, di agire come meglio crede.Ma secondo il mio parere hai scelto un lavoro, insomma per quanto possa gratificarti economicamente e sessualmente,non potrebbe mai e poi mai renderti ricco interiormente,quanto potrebbe farlo invece un amore allo stato totale.C’è chi ci nasce con questa qualità,chi impara l’arte attraverso esperienze anche negative che poi si riveleranno,in seguito,positive, e/o anche attraverso una “bell’anima”,e chi ahimè non assaporera’ mai questo piacere paradisiaco per sua scelta….Quindi, continua il tuo lavoro con tutta la tua dedizione e la tua passione,se credi che questo sia il meglio per te, ma non venire a dirci che il messaggio che volevi farci assimilare attraverso lo schermo è ben altro da quello che invece il cast di Nemo ha voluto far arrivare a casa. Distinti saluti.

    • Aaron
      Rispondi

      Buonasera Lisa! Quando una parola in questo caso AMORE viene intesa dalla gente in molti modi diversi, vuol dire che qualcosa non va in quanto non riesce a precisare ciò che indica. Di solito, ciò avviene perché alcuni significati di quella parola sono problemi in sospeso, che non si ha voglia di definire. La parola amore infatti viene usata per indicare almeno 9 accezioni totalmente diverse: 1) amore che lega i figli ai genitori 2) amore intesa come passione dei sensi 3) amore tra due persone che indica un rapporto sereno e duraturo (amore coniugale) 4) amore inteso come orientamento sessuale ossia amore eterosessuale o amore omosessuale 5) amore inteso come atto sessuale 6) amore non per qualcuno, ma per qualcosa ad esempio amore per la musica o la poesia 7) amor proprio che significa ambizione e orgoglio 8) amore per il prossimo 9) amore come sinonimo di persona o cosa bella ad esempio che amore quel bambino oppure che amore quel cane. Questo crea confusione e imbarazzo e la civiltà e la società non ha voluto e non vuole fare i conti con qualcosa di importante e molto ‘’nostro’’ e personale. Sono concetti un po’ filosofici e difficile, ma spero di essermi spiegato

  • Anonimo
    Rispondi

    Prendi tutto con filosofia…ovvio che sono presenti al mondo vari tipi di amore, ne sono al corrente,come penso ne sia consapevole anche gran parte dell’umanità. Il punto è che l’amore diventa soggettivo,per ognuno,in quanto,ti faccio un esempio, al giorno d’oggi vige più l’amore malato che quello sano,poiché si ha un concetto strano dell’amore, si indica come grado d’appartenenza, in modo alquanto ossessivo, e poi succede quel che non dovrebbe accadere,con accanimenti morbosi che portano a tragedie annunciate,vedi femminicidi,oppure si tende in generale a ferire il prossimo per alimentare il proprio ego e quant’altro…quindi,come vedi,non è come affermi tu, non condivido ma rispetto le idee altrui. E comunque mi ripeto,hai fatto trasparire tu e non il programma, al meglio, tutto ciò che racchiude il tuo lavoro. Ognuno è libero di comportarsi come meglio crede, trovo solo che sia orribile ridurre un’altra persona a un mero oggetto, anche se dall’altra parte la persona è in quel momento consenziente. Buon divertimento.Ciao.

    • Aaron
      Rispondi

      Proprio perché la civiltà nel tempo non ha dato un solo significato alla parola amore si crea confusione, ma non è un mio pensiero ti ho riportato le parole di un filosofo e teorico di nome igor sibaldi nel suo libro chiamato Eros che consiglio a tutti! Inoltre si è scoperto che l’energia prodotta da un’orgasmo è l’energia più forte che un essere umano può produrre, per questo gira tutto intorno al sesso perché è energia allo stato puro! Nell’inervista ho parlato di questo e del mio lavoro che è energia quindi sesso, ma non solo

  • D
    Rispondi

    Ma ragazze … di cosa stiamo parlando !?Vogliamo rimanere sul pezzo?!Un po’ di intelligenza su !È ovvio che a tutti picerebbe avere sempre un grande amore che sia appagante emotivamente e fisicamente ,ma purtroppo non è sempre così, anzi spesso non è cosi e ci ritroviamo a colmare delle voragini di solitudine nella nostra anima.Non centra niente il fatto che si “tromba” di più o di meno , il punto è che finalmente anche noi donne possiamo decidere di non accontenterci più di quello che passa il convento .Io penso che sia più dignitoso per una donna pagare un accompagnatore che “darla “ad uno qualunque che magari ti invita a cena solo per avere quella conclusione.Secondo me questa è una conquista e adesso però dobbiamo dimostrare che noi donne sappiamo comportarci meglio.degli uomini .Qui nessuno usa nessuno anzi ,si tratta di adulti e gli accompagnatori rispondono solo ad una richiesta e non importa se lo fanno perché hanno un’idea ludica dell’amore o che non si impegnano in sentimento veri ecc…ecc…sono fatti loro perché lo fanno . L’importante che lo facciano seriamente in cui le situazioni siano sempre chiare e venga mantenuto un reciproco rispetto della persona.Basta con prediche bacchettone , la vita alcune volte ti sottopone a delle prove durissime e se abbandonarsi nelle mani di un accompagnatore può essere d”aiuto , ben venga .

    • Aaron
      Rispondi

      Mi trovi assolutamente d’accordo basta con questa cosa che la donna che chiama un accompagnatore si debba vergognare oppure abbia per forza dei problemi o delle mancanze! Può darsi semplicemente che si voglia divertire, trasgredire e decidere lei senza avere l’ansia si piacere per forza

  • Monica
    Rispondi

    Ciao! Io ho trovato molto interessante il video, ciò che è stato trasmesso è un uomo che fa il suo lavoro in maniera responsabile e dignitosa, proprio perché (come sempre e non solo in questa intervista) da sempre ti sei espresso e distinto per la tua sincerità e massima trasparenza, e questo ti fa solamente onore. La gente dovrebbe apprezzare queste qualità (che ormai sono difficili da trovare) e non rimanere in superficie limitandosi e focalizzandosi su altri dettagli secondari.

    • Aaron
      Rispondi

      Grazie Monica mi fa molto piacere! Credo che la sincerità nel bene o nel male paghi sempre!

  • Corinne
    Rispondi

    Ciao, fare l’accompagnatore non c’è niente di male. Sei una persona a modo rispettosa. Un appuntamento con un accompagnatore non è solo sesso c’è ben altro. Si parla di tutto si passeggia si fanno tante cose. Poi se c’è il sesso ben venga anche a noi donne piace farlo.

  • Lisa
    Rispondi

    Difatti io sono sempre a favore della libertà di pensiero,libertà di scelte e quant’altro. Cara signora Corinne,le passeggiate,gli svaghi in generale e le “finte attenzioni”,poiché di questo trattasi,è possibile ricevere tutto ciò anche da un “comune mortale”,non so se mi sto spiegando adeguatamente….Signora Monica, con tutto il rispetto,la troppa adulazione non ha mai portato a niente di buono…Per quanto riguarda la frase esternata dalla signora D,ovvero:”Io penso che sia più dignitoso per una donna pagare un accompagnatore che “darla “ad uno qualunque che magari ti invita a cena solo per avere quella conclusione.”,mi trova letteralmente sconcertata dinanzi ad una affermazione del genere,con tutta franchezza spero che rilegga ciò che ha scritto,poiché non ha né capo e né coda la frase da lei asserita. Aaron, il più delle volte finisce col fare sesso con le sue clienti, la conclusione spesso è quella da lei citata. Si va a cena, ci si diverte,due chiacchiere e poi ci si ritrova avvinghiati in un letto a fare “sesso”.E quindi,di cosa stiamo parlando?Tra l’altro devi anche versare una cospicua cifra per passarci delle ore assieme.Ma davvero la “DONNA” è ridotta a questo?Se davvero fosse così,siamo arrivati proprio alla frutta. Buona giornata a tutti.

  • Corinne
    Rispondi

    Ciao Lisa, andare con un accompagnatore non significa essere ridotte male. Sono divorziata ho un matrimonio alle spalle di 8 anni. Ho avuto un’altra storia di 8 anni e mezzo. È una convivenza devastante di 10 anni. Non l’ho lasciato prima perché avevo paura di lui era agressivo. Per un anno e mezzo Non ho più voluto sapere niente di uomini. Poi ho conosciuto una persona che dopo 4 mesi mi ha chiesto la convivenza io ho detto No grazie. Sono indipendente Non voglio più dipendere da nessun uomo la libertà è preziosa. Per quanto riguarda le finte attenzioni anche la donna che esce con un accompagnatore fa il suo ruolo. La cosa che a me piace che dopo ognuno torna a casa sua. Il mondo è bello perché è vario ognuno al suo modo di pensare.

  • Aaron
    Rispondi

    Parto dal presupposto che solo chi ha fatto veramente un incontro può capirne l`essenza! Le emozioni che si vivono belle o brutte non hanno un prezzo e non si possono comprare, faccio un esempio se compri una vacanza di una settimana non so a Londra tu compri la vacanza non le emozioni che proverai in quella vacanza e così è con me, una donna chiamandomi compra un momento, una vacanza, ma non copra le emozioni ne tantomeno compra me come persona perché le emozioni e le persone non sono in vendita! In più paradossalmente un’uscits con un gigolo é molto più vera di tanti altri appuntamenti perché: 1) la donna sa chi sta chiamando 2) un accompagnatore non ha motivo di fingere per portarti a letto 3) una donna con un accompagnatore non finge di essere un’altra persona (con l’ansia di piacere per forza) e può essere totalmente se stessa!

    • S. (la vera!)
      Rispondi

      In QUESTE parole riconosco la persona che ho scelto. Il messaggio arrivato da un montaggio a mio avviso superficiale ed un po’”ridicolizzato” mi avevano proprio destabilizzato.

  • Lisa
    Rispondi

    Non era tenuta a dirlo,ma tanto vale…Per capirci,io non parlo a sproposito,come fanno in tanti invece…Ho avuto questo tipo d’esperienza,non ne ero alla ricerca,non avevo bisogno delle attenzioni da parte di un uomo, anche perché col tempo ho capito che al momento basto a me stessa e che oltretutto bisogna pensare in primis alla propria persona,senza cadere nell ‘egoismo insano,ovviamente.Con questo ogni esperienza è a sé… Per quanto mi riguarda,e parlo per me, non l’ ho trovata così tanto emozionante a tal punto da doverla ripetere,sono stata bene ma, da qui a paragonarla a qualcosa di eclatante,no!E comunque,io per natura,tendo ad essere sempre me stessa,non ho esigenza,non mi riesce fingere di esser un’altra persona,e forse è proprio questo il motivo che non mi spingerebbe,oltretutto, a contattare ulteriormente un accompagnatore.E poi,per quanto in me siano racchiuse tante sfaccettature,tra le tante,riguardante questo ambito,la tragressione,io amo le emozioni sane e non quelle mordi e fuggi,seppur non lo nego ques’ultima risulta eccitante,ma lascia il tempo che trova.Non so se riuscite a seguirmi,spero di si!

    • Aaron
      Rispondi

      Certo che ti sei spiegata anzi è molto bello creare un dibattito sopratutto se fatto di esperienze diverse e pensieri diversi e nel rispetto e educazione 🙂 la tua esperienza ascoltandoti credo sia stata comunque positiva no? Poi ovvio le persone non sono tutte uguali e quello che si vive è sempre soggettivo.

  • Lisa
    Rispondi

    Definirla positiva mi sembra un po’ troppo azzardata come cosa, ma educativa sì!

    • Aaron
      Rispondi

      Dovevi scegliere me ahahahhs scherzo

  • Anonimo
    Rispondi

    Ahahah….caro Aaron, il problema, non lo definirei tale, comunque…io proprio con te sono uscita!!! Ora lo sai! Ciao.

    • Aaron
      Rispondi

      Con me??? Attenzione che qui sembra una puntata di beautiful la cosa si fa interessante, a me mi sa tanto di scherzetto! Però mettiamo il caso che così fosse non lo troverei così strano anzi confermarebbe la mia tesi ossia che gli appuntamenti essendo veri non si può piacere a tutti! Troverei strano che su 50 donne tutte e 50 parlassero bene di me in quel caso significherebbe che io sono un robot e che ho un copione prestabilito

  • Corinne
    Rispondi

    Ho capito quello che vuoi dire Lisa.Invece per me è stata una bella esperienza che sto per ripetere. Sono contenta di essermi rivolta ad un accompagnatore vivo veramente dei bei momenti spensierati.

    • Aaron
      Rispondi

      Vivere la vita pensando che oggi potrebbe essere l’ultimo giorno CIT Steve Jobs

  • Lisa
    Rispondi

    Cara Corinne,contenta tu…!
    Aron, e a che pro dovrei scherzare?!
    Scopro le carte in tavola e non per mio volere,è uscito allo scoperto,quindi….
    Mi ripeto,riflettendo e senza dilungarmi più del dovuto,non ho trovato né l’ esperienza men che meno te,con tutto il rispetto,come dire,ho potuto appurare il discorso”Emozioni superflue che lasciano il tempo che trovano,sopite in un baleno”,neanche le ricordo per giunta….tutto qui. Ripetendomi,parlo per mia esperienza.

    • Aaron
      Rispondi

      Cara Lisa io non credo molto però magari è vero! Se così fosse comunque visto che sei qui, sul mio blog a commentare (con un velo di astio) significa che qualcosa nel bene o nel male ti ho lasciato la peggior bestia é l’indifferenza 🙂

    • La novizia di Monza....
      Rispondi

      Chi si contenta gode ed è contenta…abbiamo qualcosa in comune io e te credo:cioè non ci accontentiamo.Io mi riferisco ad esperienze con altri del campo….ma io sono un caso ostico…

  • Lisa
    Rispondi

    Che tu possa avere sempre il vento in poppa, che il sole ti risplenda in viso e che il vento del destino ti porti in alto a danzare con le stelle.
    George Jung (Johnny Depp)
    dal film “Blow” di Ted Demme
    Frase di buon augurio, per tutti…mi piace molto!
    Ciao!

  • Lisa
    Rispondi

    Aaron,nessun astio,alcun rancore.Credimi,ho detto la mia e basta.Pensa quello che vuoi.Ti risaluto.

  • D
    Rispondi

    Cara Lisa ,prima pontifici sulle donne che cercano un accompagnatore a pagamenti definendole praticamente delle poveretta ridotte alla frutta per poi rivelare che anche tu sei ricorsa ad uno di loro . Naturalmente le tue “motivazioni “saranno state più alte e non le stesse che spingono noi altre comuni mortali .
    Poi fai intetendere chiaramente che non hai una grande stima di chi fa questo mestiere però sei qui sul blog di un gigolò a distribuire la tua saggezza…..c’e qualcosa che non torna .Come mai hai deciso “di scendere così in basso anche tu ?”
    Ciao anche a te.

  • Lisa
    Rispondi

    Ahahah…non commento più…meglio!Cara D, solo questo voglio dirti,dal canto mio,sono sempre rispettosa quando elargisco un mio pensiero, con dibattiti costruttivi e sani, insomma dico sempre la mia quando so e sempre con educazione,di lei invece noto non esser lo stesso.Si riguardi! P.S.Aaron non ha bisogno di avvocati difensori,ha raggiunto la maggiore età da tempo ormai,quindi pensi a lei, che oltretutto ha capito aglio per cipolla,i detti non sbagliano mai!Salve.

  • Anonimo 2
    Rispondi

    Amore è Dono, niente di più da spiegare. Il fatto è che siamo arrivati al punto dove si può comprare tutto. Ma i sentimenti veri, sono la sola cosa che è e rimarrà Gratis, gli unici che rimarrano sempre. E l’amore non si prova per chiunque. Come disse qualcuno: quando sai l’uomo/la donna che vuoi, non ti accontenti di tutto quello che passa. Poi ognuno ha la sua natura, e probabilmente c’è anche chi teme l’amore, e preferisce il consumismo dei rapporti.

  • Emanuela
    Rispondi

    Ma come funzionano i commenti? C’è un filtro? Un moderatore?

    • Aaron
      Rispondi

      C’è un filtro solo per le pubblicità che spesso scrivono sopratutto straniere oppure per commenti offensivi per le persone che commentano, visto che il blog è il mio pretendo discussioni costruttive. Poi ognuno ha la sua idea, importante è esporla in maniera educata

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

quanto costa un gigoloaaron gigolo